Voglio dirvi una parola, e la parola è gioia

Voglio dirvi una parola, e la parola è gioia

Professione Perpetua di Emmanuel Kifuti Kiese, François Kanyinda Mpinga, Joe Lio Maghanoy, Héritier Bwene e Robert Jann Fallera.


11 Settembre 2017 alle 12h00 | 0 Invia il tuo commento!
Di 3C


3C.

Papa Francesco ha detto che "dove sono i consacrati, i seminaristi, le religiose e i religiosi, i giovani, c’è gioia, sempre c’è gioia! E’ la gioia della freschezza, e la gioia del seguire Gesù; la gioia che ci dà lo Spirito Santo, non la gioia del mondo”. Pertanto vi auguro: Siate ricolmi di gioia.


E’ un momento intenso di grazia e di gioia quello che stiamo vivendo oggi in questa celebrazione con la Consacrazione perpetua di questi nostri fratelli: una grazia e una gioia che toccano non solo il loro cuore, ma anche il cuore di tutti noi che siamo loro vicini con l’ammirazione, l’affetto e la preghiera. In verità, a gioire nel rendimento di grazie è la Chiesa come tale, che riconosce nella vita consacrata uno dei doni più preziosi che il Signore instancabilmente le dona. Ma soprattutto è il Signore stesso che si rallegra e gioisce, perché è Lui che sceglie questi suoi figli, li unisce intimamente e per sempre a sé.

Quella di oggi è una tappa quanto mai significativa di un lungo cammino che si collega a un progetto che Dio ha coltivato sin dall’eternità. Da sempre Dio ha pensato a questi nostri fratelli e li ha chiamati all’esistenza perché su di loro si realizzasse il suo progetto di amore.

Sentendosi amati da Dio a Lui si consacrano per essere  evangelii gaudium, ossia gioia del Vangelo in mezzo alla gente. La loro vita come quella di tutti i consacrati manifesta la bellezza dell'incontro dell'umano con il divino generando gioia nella consacrazione, nella comunione e nella missione.

La gioia della consacrazione
La gioia di una vita interiore intensa e autentica. Il Signore ci ha chiamato, ci ha consacrato, senza per nulla guardare ai nostri meriti, ma per Grazia, solo per Grazia. il Signore ci sostiene ad ogni passo, ci rialza con la sua misericordia, ci concede sempre fiducia e futuro. Ci invita a non temere, a non essere turbati, piuttosto a osare la speranza, a vivere decentrati mettendo al centro sempre e solo il Signore, a seguirlo e a camminare anche nel buio, a volte, senza perderci d'animo.

Oggi vi consacrate per sempre al Signore, dichiarate il vostro amore incondizionato e totale a Cristo per servirlo nei fratelli e nei giovani seguendo il carisma lasciatoci in eredità dai nostri santi Padri Fondatori... 

Dall'omelia del Preposito generale, P. Pietro Fietta.




La nostra consacrazione in Dio - Professione Perpetua a Roma 2017 Galeria - La nostra consacrazione in Dio - Professione Perpetua a Roma 2017




Professione Perpetua dei religiosi Cavanis a Roma 2017


Il 10 Settembre 2017 (Domenica) alle ore 10:00.




Scrivi il tuo commento...