I primi giorni di P. Clement Boke in Romania

"Sto in una fase di adattamento, sto imparando la lingua rumena che ovviamente è difficile ma col tempo andrà bene"

P. Antônio Élcio Aleixo e P. Clément Boke Mpamfila.
P. Antônio Élcio Aleixo e P. Clément Boke Mpamfila.

Sono arrivato in Romania lunedì 15 marzo 2021, intorno alle 19:00, all’aeroporto di Iași. Tuttavia, ho dovuto attendere un’ora e mezza per eseguire il controllo dei documenti. C’era, infatti, un’enorme folla di passeggeri che ha fatto lo stesso viaggio. Siamo atterrati sotto la pioggia come da previsioni meteo della settimana, ma non faceva troppo freddo. All’uscita dall’aeroporto sono stato accolto da Padre Antonio Elcio Aleixo, arrivato poche ore prima del nostro atterraggio. Sono stato quindi sottoposto a isolamento obbligatorio di dieci giorni, imposto a tutti i viaggiatori che entrano nel Paese, causa pandemia. Anche Padre Elcio è costretto a restare in quarantena, essendo in costante contatto con me.

Quasi tutta la settimana dal mio arrivo a Pașcani è stata segnata da pioggia e neve. Faceva estremamente freddo. Sto in una fase di adattamento, sto imparando la lingua rumena che ovviamente è difficile ma col tempo andrà bene. 

Celebriamo la preghiera della Liturgia delle Ore e la santa Messa in lingua rumena, anche se non capisco molte cose. Ho saputo dell’esistenza di un gruppo Scout nella nostra comunità: vi presento un riassunto delle loro attività come me lo hanno inviato.

Equipe di comunicazione del monastero Cavanis de Pașcani