Solo per amore

Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo.

Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo. Foto di gruppo.
Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo. Foto di gruppo.

Per riscoprire, nelle difficoltà e nell’egoismo del nostro tempo, la bellezza della vocazione al sacerdozio e alla vita consacrata papa Francesco ci ricorda che vale più la testimonianza di vita vissuta per Gesù e per i fratelli che un trattato teologico, una lezione di catechismo, un saggio ben scritto: «Dove ci sono sacerdoti c’è gioia… Il Signore ci invita a ricevere e a farci carico di questo grande dono: la gioia, la letizia sacerdotale».

Quella gioia che domenica 6 giugno nella chiesa parrocchiale di Cavaso dedicata alla Visitazione di S. Maria ad Elisabetta e gremita di fedeli e di operatori pastorali, le comunità riunite di Cavaso e di Possagno hanno sperimentato partecipando alla celebrazione del giubileo sacerdotale nel 70° di Padre Armando Soldera e nel 25° di Don Pierangelo Salviato. 

Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo.
Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo.

Una festa davvero bella e intensa per la concomitanza di ricorrenze, solenne anche grazie alla partecipazione di sette padri Cavanis, ma che soprattutto è riuscita a comunicare, anche attraverso le parole dell’omelia-racconto di Don Pierangelo, non solo la propria testimonianza di vocazione e di vita vissuta, ma anche quella di padre Armando, che abbiamo scoperto essere suo confessore.

Don Pierangelo ha voluto, infatti, che i due giubilei fossero celebrati insieme, nello stesso giorno e nella stessa chiesa, come per unire due tappe di uno stesso cammino, ma in cuor suo anche per aver riconosciuto e scelto una testimonianza autentica e agognata di vita sacerdotale vissuta nell’esempio, nell’umiltà, nel silenzio e nel servizio a Dio e ai fratelli. E per questo ha chiesto che ai piedi dell’altare fosse collocato l’inginocchiatoio, unico povero arredo che padre Armando  ha sempre voluto lo accompagnasse e fosse nella sua umile cameretta, anche nei trasferimenti che l’obbedienza ha comportato nel corso della sua vita di religioso.

Santa Messa - Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo.
Santa Messa – Giubileo Sacerdotale di padre Armando e Don Pierangelo.

Un segno come il dono dell’icona o la destinazione delle offerte alla scuola materna con la rinuncia ad ogni altro regalo che ha contribuito a dare forma alle parole dell’omelia incentrate sul perdono, l’amore e la misericordia e l’umiltà scelte e vissute: come a richiamare la comunità, dato che “tutto è ordinato dalla Divina Provvidenza” a riflettere sul dono della vocazione sacerdotale e sulla relazione fra sacerdozio e profezia. 

Sì, perché se la Parola divina è dono, la testimonianza è la prova effettiva della sua autenticità e i segni ne sono manifestazione come le parole. Grazie Padre Armando e Don Pierangelo, per averci guidati ad intuire come la testimonianza profetica della vita consacrata riesca a trasmettere la bellezza dell’incontro con Cristo, colui per il quale vale la pena vivere, anche nel mondo attuale.