Clicky

Una visita speciale: i novizi a Venezia

"Con l’aiuto di P. Giuseppe Leonardi siamo riusciti a fare un viaggio nel passato, partendo dalla Cappella del Crocifisso..."

“Un ritorno nel passato” potrebbero essere chiamati i giorni 16 e 17 gennaio 2022. Questi due giorni trascorsi dai Novizi e del loro Maestro Padre Piero Fietta, Comunità del Noviziato Internazionale di Fietta, nella casa Madre di Venezia, per la festa di 250 anni della nascita del nostro fondatore P. Antonio Angelo Maria Cavanis, hanno dato forma e senso alle cose che si trovavano già nella mente e nel cuore di noi Novizi.

A Venezia siamo stati accolti dal Direttore della casa P. Fabio Sandri e dagli altri padri che formano la Comunità della Casa Madre. Il momento centrale della nostra visita è stata la partecipazione alla celebrazione della S. Messa di ringraziamento e di ricordo della nascita di P. Antonio Cavanis presieduta dal Vicario Generale P. Irani Luiz Tonet.

Con l’aiuto di P. Giuseppe Leonardi siamo riusciti a fare un viaggio nel passato, partendo dalla Cappella del Crocifisso, dove nel 1802 i nostri Venerabili Fondatori insieme ad altri 09 ragazzi hanno dato l’inizio all’opera che oggi porta speranza nella vita di tantissimi ragazzi e ragazze. Abbiamo visto di persona le due Opere, quella dei ragazzi e quella delle ragazze messe in piedi dai nostri Fondatori, la Casetta, l’Orto, la casa dei Fondatori, il Palazzo Da Mosto, il Palazzo Corner ricevuto in donazione nel 1817 da Pio VI, molte chiese (Sant’Agnese, Gesuati, San Trovaso ed altre ancora). E infine l’ospedale degli Incurabili. Abbiamo potuto constatare, vedere e sentire che la vita dei nostri Venerabili Fondatori è stata pienamente dedicata alla povera figliolanza dispersa e per il prossimo, una vita piena di sofferenze, sacrifici, rinunce, ma tutto fatto con carità, portando avanti il testamento spirituale del loro padre Giovani Cavanis, che sarà anche il loro testamento spirituale, cioè l’amore per i poveri.

Questi due giorni non sono stati un semplice viaggio turistico, ma una ricerca dei nostri Fondatori e del regno di Dio imbevuta di preghiera e di riflessione.

Novizio Lucian-Marian Munteanu