Comunità ricche, religiosi poveri? Le sfide del Voto di Povertà oggi.

Negli ultimi anni non pochi Istituti di vita consacrata si sono trovati ad affrontare problemi di natura economica. Potremmo dire che alla crescente diminuzione delle forze è corrisposto un aumento delle difficoltà.

Formazione - Comunità ricche, religiosi poveri? Le sfide del Voto di Povertà oggi.
Formazione - Comunità ricche, religiosi poveri? Le sfide del Voto di Povertà oggi.

Noi viviamo situazioni molto diverse, per cui fare esempi validi a volte può risultare difficile, ma l’attenzione ai criteri che la Chiesa ribadisce per la nostra vita ci può aiutare anche a trovare le risposte a questa grande sfida: “Come vivere oggi la povertà?” 

È una sfida molto grande per noi religiosi: la questione della relazione con la famiglia di origine, a volte la famiglia di origine ha come concetto che un figlio o una figlia deve mantenere la casa… oppure pensa che i religiosi possono usare vestiti firmati e allora regalano… le condizioni dei paesi per quanto riguarda assistenza sanitaria, pensione, investimenti finanziari… altre già pensano che per il voto di povertà non possono ricevere un bene o partecipare delle eredità della famiglia anche se hanno diritto.. questi sono alcune sfide generali, sarebbe frutuoso se poi voi riuscite a individuare le sfide concrete su cui riflettere per il vostro cammino.

A volte  occorre proprio mettere in atto una buona creatività per affrontare i vari problemi e questi sono –  come dice Papa Francesco – degli stimoli di Dio per poter vedere come vivere la nostra povertà

Ritengo necessario che il religioso sappia testimoniare la scelta di vita assunta con tutte le sue esigenze. A voi scoprirne nel dialogo la creatività.  

Suor Simone Pereira de Araújo, F.S.G.C.