Missionari Cavanis raccontano la difficile missione di aiutare le vittime dei ribelli

Queste comunità sono state prese d'assalto da un gruppo ribelli...

Il missionario Cavanis in Mozambico P. Clement Boke, a servizio della Comunità Parrocchiale di Macomia (Parrocchia San Giovanni Battista) racconta di forma appassionata cosa sta facendo per portare consolo e speranza alle comunità della Parrocchia, lontane dalla città e sperdute in mezzo alla foresta. 

Queste comunità sono state prese d’assalto da un gruppo ribelli che si auto denomina ALI SHABAB ma che non hanno nessun proposito politico o di resistenza. Appena vuole seminare terrore e uccidere le persone indifese che abitano in villaggi di sopravvivenza e in assoluta precarietà. 

Arrivano dal nulla danno fuoco alle capane e la gente che cerca di fuggire sono aggredite e uccise a colpi di KATANA (il grande coltello utilizzato dai locali per  tagliare legna. 

P. Clement si prepara ad andare a celebrare la Santa Messa e a trovare persone aggredite  in questi villaggi. Ha organizzato una raccolta di utensili e cibo per condividere con la povera gente. 

La solidarietà questa tra i poveri sorge più effetto e risveglia il coraggio.